Architettura... dalla progettazione generativa

Paolo Fiamma

Abstract


Dal progetto del prodotto si sta passando al progetto del sistema che serve a progettare il prodotto (processo). Le risorse progettuali, le necessità di comportamenti ottimali da parte degli edifici, la connessione tra tecniche di stampa e prototipizzazione stanno spingendo la disciplina d’architettura a riscoprire un approccio scientifico nei confronti della materia. Secondo il paradigma generativo l’Architettura è considerata, al pari del mondo naturale, come una sorta di vita artificiale condizionata dai principi della morfogenesi, dei codici genetici, della replicazione e della selezione. Alcuni rimarchevoli edifici sono, de facto, l’icona della nuova generazione di progettisti. Nelle nuove costruzioni involucro, forma, struttura, prestazione termica e materiali sono concepiti, verificati ed assemblati allo stesso tempo, riducendo la tradizionale discontinuità tra fasi di progetto e realizzazione: la Progettazione Generativa raggiunge questo obiettivo, sfruttando lo spazio virtuale del computer analogamente ai processi evoluzionistici in Natura. Ci si sta muovendo nella direzione dell’“architettura per script”, derivandola da algoritmi computazionali. La ricerca in questo ambito si apre a scenari complessi ed affascinanti. Si è forse giunti al tempo dell’“architettura dei programmi”? Possono le informazioni cessare di essere dati virtuali per divenire forme d’architettura?

Full Text

PDF (English)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2301

Copyright (c) 2011 Paolo Fiamma

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]