Scienza e intuizione: per un uso consapevole delle tecniche nel progetto di restauro

Claudio Galli, Francesco Conserva

Abstract


La scelta delle tecniche d’intervento, più o meno innovative, sui beni culturali è il risultato di approfondite analisi scientifiche condotte sul testo, ma anche di semplici intuizioni legate all’interpretazione del manufatto e alle metodologie operative. Si delinea, in questo modo, una disciplina della conservazione rigorosamente scientifica ma, nel contempo, storica e fondamentalmente critica.


Parole chiave


Scienza ed intuizione; Restauro; Tecniche di intervento

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Boscarino, S. (1988). Conoscenza delle strutture architettoniche: metodi e tecniche d’approccio, in Atti del III Congresso Nazionale ASS.I.R.C.CO. Conoscere per intervenire: il consolidamento degli edifici storici. Catania, 10−12 novembre 1988, pp. 14, 75-79.

Carbonara, G. (1997), Avvicinamento al restauro. Teoria, storia, monumenti, Napoli: Liguori, p. 274.

Dalla Negra, R. (2011). Il restauro consapevole: la traduzione dei principi conservativi e il difficile rapporto con le preesistenze, in Balzani, M. (2011), a cura di, Restauro, Recupero, Riqualificazione. Il progetto contemporaneo nel contesto storico, Milano: Skira, p. 18.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3305

Copyright (c) 2012 Claudio Galli, Francesco Conserva

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]