La documentazione dei Beni Culturali

Cristiana Bartolomei

Abstract


Le parole cardine per il futuro del patrimonio architettonico sono luogo, rete, memoria, identità, fruizione e comunicazione. Le principali istituzioni culturali si occupano di creare e gestire cataloghi del patrimonio culturale che oggi diventano sovente archivi consultabili attraverso la rete. Dal punto di vista strategico la documentazione dei beni culturali deve costruire la base operativa e strumentale per valorizzare le banche dati esistenti, rendendole visibili al grande pubblico, facendole interoperare in modo flessibile attraverso la costruzione di archivi informativi multimediali in grado di fornire una fruizione consapevole e strutturata delle varie informazioni disponibili. Gli archivi informativi sono infatti lo strumento che consente di visualizzare sulla mappa i dati della catalogazione e di estrarre le informazioni contenute nelle schede di ciascun bene architettonico. Dalla mappa, infatti, si accede direttamente agli archivi alfanumerici e geografici rendendo fattivamente utilizzabili, a tutti gli utenti, i dati archiviati. Documentare la posizione, la natura e la qualità di tutte le risorse culturali, attraverso una cultura basata su un GIS permette anche di fornire informazioni che possono essere utilizzate per supportare i processi decisionali.

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2075

Copyright (c) 2010 Cristiana Bartolomei

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]