Media digitali per il godimento dei beni culturali

Elena Ippoliti

Abstract


Le azioni della conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale si fondano tutte sulla sua funzione sociale che si realizza a patto di garantirne la più ampia fruizione da parte della collettività. Già nel lontano 1967, la Commissione Franceschini dedicava negli Atti una distinta Dichiarazione, la XVII, alla necessità di assicurare i beni culturali ad adeguate forme di godimento pubblico, cioè all’uso per ricavarne diletto, piacere, soddisfazione, intima contentezza.

In questo quadro l’articolo propone una riflessione su come le applicazioni delle tecnologie digitali al patrimonio culturale possano concorrere alla costruzione di modelli comunicativi efficaci che, facendo leva sul coinvolgimento sensoriale ed emozionale e sulla partecipazione del fruitore, consentano di avvicinare un pubblico sempre più ampio ai contenuti culturali. Forme di comunicazione modellate su quelle regole che sono alla base di ogni gioco. Perché il gioco è una cosa seria e guastafeste è colui che non sta alle sue regole.


Parole chiave


Godimento del patrimonio culturale; applicazioni digitali al patrimonio culturale; tecnologie della visione; edutainment;

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Galluzzi P., Valentino P. A., a cura di, I formati della memoria. Beni culturali e nuove tecnologie alle soglie del terzo millennio, Giunti, Firenze 1997.

Giardino V., Piazza M., Senza Parole. Ragionare con le immagini, Bompiani, Milano, 2008.

Giglio A., Messina I., L’edutainment nella didattica delle lingue: nemico o alleato?, in “Lingu@ggi 21.0. Lingue, Culture e TIC nel Ventunesimo secolo”, n. I-2011, Atti della giornata di studio “Didattica 2.gioc0”, http://lctic.altervista.org/blog/ledutainment-nella-didattica-delle-lingue-nemico-o-alleato-alessandra-giglio-ilaria-messina/.

Grienti V., Chiesa e web 2.0. Pericoli e opportunità in rete, Effatà Editrice, Cantalupa (TO), 2009, p. 77.

Hand E., People power. Networks of human minds are taking citizen science to a new level, Nature, vol. 466, 685-687, 5 agosto 2010.

Huizinga J., Homo Ludens, Amsterdam, 1939, traduzione telematica a cura di Biondi R., Ponti N., Cacciotti G., Guagliardo V., http://gdr.net/imago/materiali.htm.

Ippoliti, E., Meschini, A., Dal “modello 3D” alla “scena 3D”. Prospettive e opportunità per la valorizzazione del patrimonio culturale architettonico e urbano, in Bartolomei, C., (a cura di), in La documentazione dei beni culturali, “DISEGNARECON", vol. 3, n. 6, 2010, Università di Bologna, ISSN 1828-5961, pp. 77-91, disponibile all'indirizzo: http://disegnarecon.cib.unibo.it/article/view/2083.

Ippoliti, E., Meschini, A., Rossi, D., Moscati A., An approach towards the construction of a digital atlas for the documentation of cloister and courtyards in Ascoli Piceno in F. Remondino, S. El-Hakim (a cura di), Proceedings of the 4th ISPRS International Workshop “3D-ARCH 2011 - 3D Virtual Reconstruction and Visualization of Complex Architectures”, Trento, 2011, (ISSN 16821777), pp. 1-8.

Ippoliti, E., Meschini, A., La “scena 3D” per la valorizzazione del patrimonio culturale architettonico e urbano: piazza Arringo ad Ascoli Piceno in Gambardella, C., (a cura di), Atti del IX Forum Internazionale di Studi Le vie dei Mercanti “S.A.V.E. Heritage - Safeguard of Architectural, Visual, Environmental Heritage”, La scuola di Pitagora, Napoli, 2011, (ISBN 978-88-6542-046-1), pp. 1-10.

Khatib F., Di Maio F., Foldit Contenders Group, Foldit Void Crushers Group, Cooper S., Kazmierczyk M., Gilski M., Krzywda S., Zabranska H., Pichova I., Thompson J., Popović Z., Jaskolski M., & Baker D., Crystal structure of a monomeric retroviral protease solved by protein folding game players, Nature, Structural & Molecular Biology, 18, pp. 1175–1177, 2011.

Kircheri A., Ars magna lucis et vmbræ in decem libros digesta. Quibus admirandae lucis et vmbrae in mundo, atque adeo vniuersa natura, vires effectusq. vti noua, ita varia nouorum reconditorumq. speciminum exhibitione, ad varios mortalium vsus, panduntur, sumptibus Hermanni Scheus, ex typographia Ludouici Grignani, Romae, 1646.

Lo Sardo E., Athanasius Kircher. Il museo del mondo, De Luca, Roma, 2001, p. 15.

Papert S., Mindstorms: Children, Computers, and Powerful Ideas, Basic Books, New York, 1980 (ed. italiana: Mindstorms: bambini, computers e creatività, Emme, Milano, 1984).

Papert S., The Children's Machine: Rethinking School in the Age of the Computer, Basic Books, New York, 1993 (ed. italiana: I bambini e il computer, Rizzoli, Milano, 1994, p. 16).

Valentino P. A., Delli Quadri L. M. R., a cura di, Cultura in gioco: le nuove frontiere di musei, didattica e industria culturale nell'era dell'interattività, Giunti, Firenze 2004.

Varani A., Realtà virtuale, apprendimento e didattica, in “Informatica & Scuola”, n. 3, 2004, www.costruttivismoedidattica.it/articoli/Varani/Varani_RV.pdf.

Ventimiglia G., Naturale, artificiale, virtuale. Brevi note di ontologia (e teologia) del virtuale, in “Nova et Vetera” (edizione italiana), 2001, 4.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2564

Copyright (c) 2011 Elena Ippoliti

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]