La videoproiezione architetturale

Ezio Antonelli, Andrea Mordenti

Abstract


Trasfigurare un edificio, seppure temporaneamente, comporta una serie di responsabilità: l'edificio  non è semplicisticamente uno schermo su cui proiettare immagini, si trasforma invece nel luogo dove l'idea architettonica viene portata ad un livello inusuale di protagonismo, sottraendo provvisoriamente l'architettura dalla dipendenza dall'edificio.

La forma diventa strumento di astrazione, metafora, concetto. L'arte come trasformazione della realtà percettiva in trasgressive contraddizioni ottiche, fino all’evasione ed astrazione lega con filo diretto la videoproiezione architetturale all’estetica delle avanguardie artistiche del '900.

Come enunciato da Umberto Eco nella “teoria della menzogna” ogni forma richiama un contenuto interpretabile da parte del fruitore. Con la videoproiezione architetturale c'è la possibilità-necessità di finalizzare il mentire in senso critico costruttivo.


Parole chiave


La videoproiezione architetturale; Video-arte; video-installazioni; realtà aumentata; warping; soft-edge;

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2566

Copyright (c) 2011 Ezio Antonelli, Andrea Mordenti

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]