Il Museo Diffuso

Lorenzo Taiuti

Abstract


I Nuovi Media hanno prodotto negli ultimi 20 anni molteplici ipotesi e a diversi livelli, comunicativi, culturali, estetici. Lo svilupparsi di un settore di applicazione e ricerca sui rapporti fra arte e scienza porta alla definizione di un’area di comunicazione fra tecnologia e linguaggi creativi che sta lentamente penetrando nelle culture estetiche, sia nella produzione creativa sia nella gestione e nella fruizione dell’arte.

L’acquisizione di nuovi strumenti, nuovi media, nuove forme comuni, deve oggi entrare nel corpo estetico e nel sistema dell’arte, mentre i concetti di realtà virtuale, immaterialità, rete globale e i molti altri che la cultura digitale ha prodotto negli anni sono oggi altrettanti punti su cui interrogarsi.

Ciò costituisce una serie possibili campi applicativi che le istituzioni museali hanno iniziato ad esplorare, e in cui però moltissimo rimane da fare. In particolare una maggiore vicinanza tra funzioni museali e utenza deve dar luogo a maggiori applicazioni museali nel settore dei linguaggi digitali, delle nuove didattiche e della nuove comunicazioni di massa.


Parole chiave


Museo diffuso; museo virtuale; museo digitale; arte e web; Prosumer e cultura;

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2567

Copyright (c) 2011 Lorenzo Taiuti

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]