Fruizione digitale di reperti archeologici. L’esperienza del Museo Civico Archeologico di Bologna

Anna Maria Manferdini, Simone Garagnani

Abstract


Il contributo presenta una serie di indagini avviate nell’ambito di una collaborazione tra il Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale DAPT dell’Università degli Studi di Bologna e il Museo Civico Archeologico di Bologna volte alla messa a punto di procedure per il rilievo e per la fruizione digitale di reperti archeologici. In particolare, il contributo illustra come le possibilità di fruizione del patrimonio storico-artistico possano essere ampliate grazie all’utilizzo di tecniche digitali in grado di innescare meccanismi percettivi multisensoriali e di coinvolgere attivamente gli utenti nella esplorazione dei contenuti presentati attraverso le collezioni.

Visualizzazioni immersive, realtà aumentata e rapporto tattile, oltre che visivo, con i reperti, contribuiscono a stabilire un canale comunicativo immediato e più vicino a utenti che utilizzano quotidianamente questi strumenti di comunicazione e di accesso alle informazioni.


Parole chiave


Rilevo digitale tridimensionale; Laser scanner; modellazione da dati reali; fruizione immersiva;

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2572

Copyright (c) 2011 Anna Maria Manferdini, Simone Garagnani

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]