Modelli digitali per la comunicazione dell'architettura

Stefano Brusaporci

Abstract


Le strumentazioni e le tecnologie digitali hanno arricchito le possibilità di rappresentazione e di comunicazione dell’architettura. Il disegno digitale si articola secondo le due fasi della visualizzazione e della costruzione, ovvero modeling e rendering, dicotomia strutturante le tecnologie software. Le modalità di visualizzazione conducono a diversi tipi di raffigurazioni dello stesso modello 3D e le strumentazioni producono una separazione tra atto del disegnare ed immagine prodotta. Se la modellazione inversa è riferibile ad un processo di sintesi, quella diretta segue una procedura analitica. La differenza tra applicazioni interattive ed applicazioni non interattive è correlata alle possibilità offerte dalle strumentazioni informatiche, e si relaziona alle fasi di visualizzazione e di costruzione. Il termine ‘modello’ al contempo descrivere differenti fenomeni (files): Modello matematico dell’oggetto e della scena; Modello rappresentativo raster di sintesi e con elaborazioni di postprocessamento. L’insieme correlato di questi modelli costituisce il complessivo modello interpretativo architettonico: il fine è quello di produrre una simulazione della realtà secondo un ruolo conoscitivo del modello.


Parole chiave


Modelli digitali; Architettura; Rappresentazione;

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/2575

Copyright (c) 2011 Stefano Brusaporci

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]