Architetture contemporanee di luce

Gabriella Liva

Abstract


L'architettura contemporanea ci ha abituato a focalizzare la nostra attenzione sullo spazio costruito che, nel suo rapido percorso evolutivo, è stato profondamente riconfigurato.
Oggi si sta prepotentemente affacciando una nuova architettura, generata da componenti installative strettamente legate alla nostra percezione, in grado di sfruttare gli strumenti più sofisticati nell'ambito informatico, digitale e robotico.
Anthony McCall interpreta in maniera del tutto personale, attraverso la proiezione di luce, gli elementi base della geometria descrittiva, traducendo linee, parole, pensieri in spazi scultorei in grado di essere non solo osservati, ma anche attraversati e vissuti.


Parole chiave


spazi della percezione; proiezioni luminose; Anthony McCall

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Balzola A., Monteverdi A.M. (2004), Le arti multimediali digitali, Garzanti, Milano.0

Bruno, Giuliana (2009), Pubbliche intimità. Architettura e arti visive, Bruno Mondadori, Milano, pag. 57-58.

Foster H. (2009) , Anthony McCall. Breath [the vertical works], Corraini, Mantova.

Joseph B.W., Walley J. (2005), Anthony McCall, The Solid Light Films and Related Works, Christopher Eamon, Germany.

Zellner Peter (1999), Hybrid Space: new forms in digital architecture, Thomas & Hudson, London.

http://www.anthonymccall.com/




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3175

Copyright (c) 2012 Gabriella Liva

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]