Le comunità locali e la documentazione come sistema aperto di conoscenze.

Marco Carpiceci, Fabio Colonnese

Abstract


La salvaguardia dei Beni Culturali è la naturale conseguenza del riconoscimento visivo e ontologico delle emergenze del territorio. In un territorio ricco e articolato come quello italiano, le comunità locali hanno sempre svolto un ruolo fondamentale nei processi di conoscenza diretta, identificazione, documentazione e tutela delle emergenze e del territorio che le accoglie. La rete telematica oggi ha avvicinato le istituzioni alla gente e si delinea all’orizzonte un nuovo modello di intervento. Esso è fondato sull’idea che la conoscenza – e il rilievo che ne dovrebbe costituire l’imprescindibile presupposto scientifico – costituisce un sistema aperto e inclusivo, in grado di essere costantemente aggiornato e fruibile e di richiamare tutti i cittadini alla diretta partecipazione nella documentazione e valorizzazione della cosa pubblica.


Parole chiave


Salvaguardia dei Beni Culturali; Comunità locali; Rilievo architettonico

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Bauman, S. (2002). Modernità liquida. Roma; Bari: Laterza.

Bauman, S., (2002). Modernità liquida. Roma; Bari: Laterza.

Benjamin, W., (2000). L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Torino: Einaudi.

Carnevali, L. Cundari, C., (2003). Carinola e il suo territorio. Rassegna dei beni architettonici. Roma: Edizioni Kappa.

Carpiceci, M., Cundari, C., (2005). La prassi della ricerca. In Verso un repertorio dell’architettura catalana. Vol.1. Architettura catalana in Campania. Edito da Cesare Cundari. Roma: Edizioni Kappa, 2005, p.35-42.

Mari, E., (2009). 25 modi per piantare un chiodo. Milano: Mondadori.

Russo, L., (1998). Segmenti e bastoncini. Milano: Feltrinelli.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3323

Copyright (c) 2012 Marco Carpiceci, Fabio Colonnese

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]