Building Information Modeling semantico e rilievi ad alta risoluzione di siti appartenenti al Patrimonio Culturale

Simone Garagnani

Abstract


Negli ultimi anni la tecnologia digitale dedicata alla progettazione degli organismi edilizi ha conosciuto avanzamenti di notevole portata, permettendo di raggiungere mediante il Building Information Modeling quei traguardi che erano stati solo immaginati, a partire dalla metà degli anni Settanta del secolo scorso. Il processo BIM, latore di numerosi vantaggi per i progettisti che lo implementano nel proprio flusso di lavoro, può essere declinato con successo anche alle casistiche applicative di intervento sul patrimonio architettonico esistente. La semantica tipica dei componenti dell’architettura classica, così pervasiva nel paesaggio storico urbano europeo, così come i caratteri propri del moderno o del costruito contemporaneo, incontrano nella struttura autocosciente degli “oggetti intelligenti” BIM un valido apparato di documentazione relazionale. Tuttavia la traduzione delle informazioni geometriche di precisione pertinenti l’esistente, acquisite utilizzando le tecniche diffuse di laser scanning e fotogrammetria digitale, costituisce ancora una criticità di processo che questo contributo vuole indagare, descrivendo un possibile approccio di metodo.


Keyword


BIM; scansioni laser terrestri; strumenti digitali AEC; Autodesk Revit; modulo software GreenSpider

Full Text

PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Bermudez, J., King, K., (2000). “Media interaction and design process: Establishing a knowledge base”. Automation in Construction, 9, 37-56.

De Luca, L., (2012). “Methods, Formalisms and Tools for the Semantic-Based Surveying and Representation of Architectural Heritage”, Applied Geomatics, no. 1866-9298, pp. 1-25.

Dore, C., Murphy, M., (2012), “Integration of Historic Building Information Modeling and 3D GIS for Recording and Managing Cultural Heritage Sites”, 18th International Conference on Virtual Systems and Multimedia: “Virtual Systems in the Information Society”, 2-5 September, 2012, Milan, Italy, pp. 369-376.

Eastman, C. M.,Teicholz, P., Sacks, R., Liston, K.,(2011). “BIM Handbook. A Guide to Building Information Modeling for Owners, Managers, Designers, Engineers, and Contractors”, Second Edition. Hoboken: John Wiley & Sons.

Fai, S., Graham, K., Duckworth, T., Wood, N., Attar, R., (2011). “Building Information Modelling and Heritage Documentation”, XXIII CIPA International Symposium, Prague, Czech Republic, 12th-16th September, http:// cipa.icomos.org/fileadmin/template/doc/PRAGUE/047

Früh, C., Jain, S. and Zakhor, A.,(2005). “Data Processing Algorithms for Generating Textured 3D Building Facade Meshes from Laser Scans and Camera Images”. International Journal of Computer Vision, 61 (2), 159-184.

Gaiani, M., Benedetti, B., Apollonio, F. I., (2009). “Standard di acquisizione e strutturazione di modelli digitali per sistemi informativi di aree archeologiche: il caso di Pompei”. DISEGNARE IDEE IMMAGINI, 39: 60-73.

Garagnani, S., Cinti Luciani, S., Mingucci, R.,(2011). “Building Information Modeling: la tecnologia digitale al servizio del progetto di architettura”. DISEGNARECON, 4(7). Retrieved in september 2012 at http:// disegnarecon.cib.unibo.it/article/view/2297.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3359

Copyright (c) 2012 Simone Garagnani

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Internazionale.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ASDD-AlmaDL [privacy]