Fotografia, tra oblio e ricostruzione del complesso del Monte di Pietà di Messina

Francesca Fatta, Chiara Scali

Abstract


Il palazzo del Monte di Pietà a Messina, progettato dall'architetto Natale Masuccio ed edificato a partire dal 1616, fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1908. Attualmente rimane solo la facciata del piano terra ed alcuni ambienti retrostanti. Lo scopo della ricerca è di far conoscere alcune delle potenzialità informatiche nel campo della "ricostruzione digitale dell'architettura" per la documentazione, il recupero e la “fruizione consapevole” di beni architettonici fortemente degradati o compromessi rispetto alla loro originaria configurazione. La lettura del monumento, inteso come documento, ci ha consentito un raffronto tra fotografia e rilievo per ripercorrere, attraverso operazioni di analisi e scomposizione delle parti, le tre fasi più riconoscibili di un progetto a molte mani della sua lunga e travagliata storia.

Parole chiave


Monumento; Ricostruzione virtuale; Recupero.

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Basilico, Gabriele (2012), Leggere le fotografie in dodici lezioni, Rcs Libri, Milano.

Boscarino, Salvatore (1956), L’architetto messinese Natale Masuccio in Quaderni dell’Istituto di storia dell’architettura, n. 18, 1956, pag. 14.

De Gregorio, Giovanni, Riccobono, Franz (2007), Il monte di Pietà di Messina, Edas, Messina.

Gagliardi, Maria Letizia (2010), La misura dello spazio, Contrasto, Roma.

Ghirri, Luigi (2010), Lezioni di fotografia, Quodlibet, Macerata.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3861

Copyright (c) 2013 Francesca Fatta, Chiara Scali

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]