La fotografia digitale e il cinema

Alberto Sdegno

Abstract


In alcune significative produzioni filmiche degli ultimi trenta anni è possibile scorgere il ruolo innovativo della fotografia in questo settore, non soltanto dal punto di vista tecnico, ma anche per ciò che riguarda la trama del film. Gli esempi descritti nel testo – da Blade Runner al recente Inception – possono consentire di comprendere meglio il modo in cui la tecnologia dell’elaborazione delle immagini ha modificato il tipo di percezione delle sequenze cinematografiche, contribuendo anche a trasformare i giudizi su queste nuove modalità di lavoro da parte di artisti solitamente tradizionalisti nelle pratiche di ripresa, come Wim Wenders. Il suo film, Fino alla fine del mondo, infatti, si configura come un episodio particolarmente eloquente nella filmografia dell’artista, che testimonia un cambiamento anche nella definizione del metodo di lavoro.


Parole chiave


cinematografia; effetti speciali; elaborazione digitale delle immagini; rappresentazione; montaggio video

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Albrecht, Donald (1986), Designing Dreams. Modern Architecture in the Movies, Thames and Hudson, London.

Cairns, Graham (2007), El arquitecto detrás de la cámara. La vision especial del cine, Abada, Madrid.

Debevec, Paul E. (1996), Modeling and Rendering Architecture from Photograps, PhD Thesis, University of California, Berkeley.

Dick, Philip K. (1968), Do Androids Dreams of Electric Sheeps?, Doubleday, New York.

Mitchell, William J. (1992), The Reconfigured Eye. Visual Truth in the post-photographic Era, The MIT Press, Cambridge, Mass.

Rondolino, Gianni (2006), Storia del cinema, vol. 2, Utet, Torino.

Roy Menarini, Roy (2000), Ridley Scott Blade Runner, Lindau, Torino.

Sdegno, Alberto (2013), Form Follows Fiction. La rappresentazione delle “everytowns” nella cinematografia visionaria, in AAVV, Atopie, Artegrafica, Roma, pp. 102-114.

Wenders, Wim (1993), Electronic Paintings, Socrates, Roma.

Wenders, Wim, (1992), L’atto di vedere. The Act of Seeing, Ubulibri, Milano.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3881

Copyright (c) 2013 Alberto Sdegno

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]