Geometria - Costruzione - Architettura

Riccardo Migliari

Abstract


La Geometria del Disegno ha subito, più di ogni altra disciplina dell’area disciplinare del Disegno, una crisi profonda, che l’ha confinata, secondo alcuni, in un ambito di studi di alta specializzazione, assai poco frequentato. La causa di questa crisi è da ricercarsi nei mutamenti indotti, nel corso degli ultimi trent’anni, dall’avvento dell’informatica, ma non solo. È anche da ricercarsi, secondo me, nella legittima ambizione di tutti noi a fare ricerca, una ambizione che la Geometria tradizionale, sia essa descrittiva, sia sintetica più in generale, non poteva soddisfare. Infatti quella parte della geometria descrittiva che si occupa della rappresentazione grafica sul piano degli oggetti a tre dimensioni è stata surclassata dalla modellazione 3D, per semplicità di esecuzione e qualità dei risultati. Mentre la geometria sintetica è stata abbandonata persino dai matematici, negli anni Venti della svolta assiomatica, e pur con qualche eccezione – Coxeter - e qualche recentissimo ripensamento.
Pure, la geometria continua a svolgere un ruolo centrale nel disegno in generale e in quello di architettura, in particolare, e mi riferisco agli studi storici, allo studio delle superfici, ai rapporti con l’arte e, ultimo ma non per importanza, all’insegnamento.


Parole chiave


geometria; costruzione; architettura

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3145

Copyright (c) 2012 Riccardo Migliari

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]