Escher. Il linguaggio di un artista al confine tra arte e matematica

Tiziano De Carlo, Vladimiro Valerio

Abstract


Nel guardare le opere di Escher viene naturale chiedersi se ci sia un principio geometrico alla base delle sue elaborazioni, che tendono a spiazzarci e a confonderci attraverso l’uso sapiente di stratagemmi illusori. Sembra che più mondi coesistano in uno stesso spazio pittorico, il cui orientamento cambia al variare della posizione relativa tra occhio e piano.
E’ possibile rintracciare elementi stabili, dei punti ordinatori nel suo sistema di rappresentazione?
La presente ricerca, che tenta di fornire una risposta a questo interrogativo è stata sviluppata sulle due stampe “relatività” e “Torre di Babele”, apparentemente costruite secondo una prospettiva a quadro obliquo. Si è cercato di capire se l’apparente convivenza spaziale di mondi inconciliabili fosse stata ottenuta attraverso deroghe prospettiche affidate alla sensibilità creativa dell’artista, oppure rispettassero severe regole proiettive. Si è cercato una sorta di conferma delle parole dell’artista allorché osservava che “Anche se non ho avuto un’istruzione o conoscenze in scienze esatte, mi sento spesso più vicino ai matematici che ai miei colleghi artisti”.
La ricerca affonda le sue radici nel campo della restituzione prospettica, che consente di ricostruire il riferimento (ove mai esista) della rappresentazione e di ricavare le proiezioni ortogonali degli oggetti rappresentati attraverso un’operazione di ribaltamento.
Con tale indagine si è cercato di addentrarsi nell’attività costruttiva dell’artista, ripercorrendo a ritroso le tappe del suo lavoro.


Parole chiave


Escher; restituzione prospettica; prospettiva

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Dante Nannoni (1982), Geometria prospettiva progetto: il disegno per la scuola media superiore, Cappelli editore, Bologna.

Gaetano Fano (1993), La restituzione prospettica da prospettiva razionale, Dedalo Libri, Bari.

Federica Pirani, Bert Treffers (2004), Nell'occhio di Escher, Mondadori, Milano.

Maurits Cornelis Escher (2007), M. C. Escher: Grafica e disegni, Taschen, Colonia.

Bruno Ernst (2011), Lo specchio magico di Maurits Cornelis Escher, Taschen, Colonia.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3174

Copyright (c) 2012 Tiziano De Carlo, Vladimiro Valerio

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]