La “rappresentazione informativa” per l’analisi della vulnerabilità del paesaggio antropico. Due ambiti territoriali a confronto: il centro storico di S. Elia Fiume Rapido (FR) e il bacino minerario di Coreno Ausonio.

Assunta Pelliccio

Abstract


La concomitanza di fattori come l’eccessivo sfruttamento del suolo da parte dell’uomo e l’elevata vulnerabilità fisica del territorio, determinata dalla notevole attività sismica e vulcanica, e dalla particolare conformazione geomorfologica ed idrogeologica, produce un rischio paesaggistico particolarmente elevato che deve essere necessariamente mitigato attraverso un’attenta analisi dei livelli di criticità presenti nei diversi ambiti territoriali e mediante la formulazione di strategie di intervento basate su prescrizioni e indicazioni operative. I sistemi informativi rappresentano un valido supporto poiché consentono di gestire e visualizzare sinteticamente dati molto eterogenei. In questo contributo si illustrano due diverse procedure di analisi della vulnerabilità, progettate per ambiti paesaggistici completamente differenti. Il primo caso riguarda il centro storico di S. Elia Fiume Rapido, in provincia di Frosinone, ed ha come oggetto l’analisi dell’edificato storico e la sua esposizione ai fattori naturali di degrado. Il secondo caso tratta del bacino di Coreno Ausonio, in provincia di Latina, profondamente segnato da un’intensa attività di estrazione mineraria. Questi due casi configurano esempi in cui la “Rappresentazione Informativa” rende facile ed immediata la lettura delle componenti in gioco con l’obiettivo, nel primo caso, di preservare le testimonianze del passato e, nel secondo caso, di salvaguardare l’ambiente da attività antropiche incontrollate.


Parole chiave


Paesaggio; Centri Storici; siti minerari; Gis; rappresentazione informativa

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Pelliccio A., (2011), I sistemi informativi per il “recupero sostenibile” dei siti estrattivi. L’esempio del bacino di

Coreno Ausonio, in Il Disegno delle trasformazioni, Atti del Convegno , Napoli.

Pelliccio A.,(2010) Sistemi Informativi per la Gestione e valorizzazione del Patrimonio Urbano.Dal SIT al SIA, in Brusaporci S., a cura di, Sistemi integrati per la tutela e lavalorizzazione del patrimonio architettonico e urbano, Roma, Gangemi Editore.

Vallerotonda M., (2008/2009) I siti estrattivi nel basso Lazio. “Il “recupero sostenibile”. Tesi di Laurea Cassino.

Serravalli A., (2007). Gis. Teorie e applicazioni, Milano. ISBN 8875861625

Maurelli P., (2006) I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) come contesti di rappresentazione e interazione, in Martone M., a cura di, La rappresentazione per la conoscenza dell’ambiente urbano e del territori, Atti del Seminario, Edizioni Kappa

Verrecchia A., (2005/2006) Procedura di rilievo ed elaborazione dati inerenti il rischio sismico: il centro storico di S. Elia Fiumerapido. Tesi di Laurea Cassino.

Aspinall, R. J., (1999), GIS and landscape conservation. In Longley, P.A., Goodchild, M.F.

Barrocchi R., (1984) Dizionario di urbanistica, Franco Angeli, Milano, II ed.

Maguire, D., and Rhind, D.W., (1999) Geographical Information Systems, 2 Volume, New York:John Wiley & Sons.




DOI: 10.6092/issn.1828-5961/3384

Copyright (c) 2013 Assunta Pelliccio

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 1828-5961
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 7896 del 30 ottobre 2008

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]